1996/2001/2012: I “Carmina Burana” di Carl Orff

Il Coro ha eseguito i “Carmina Burana” di Carl Orff in diverse occasioni:

  • Il 29 novembre 2001 il Coro ha tenuto un concerto in cui ha eseguito la versione da camera dei Carmina Burana di Carl OrffA�con la collaborazione delA�coro “Polifonica 10” di Milano diretto da Giovanni Cavedon.A�Il concerto si A? tenuto nell’Aula Magna dell’Ateneo in via Festa del Perdono 7.
  • Nel 2012 ha inoltre partecipato all’esibizione delA�Convegno Nazionale dei Cori e delle Orchestre Universitarie ItalianeA�denominataA�“GRANDE CONCERTO DEGLI UNIVERSITARI A ROMA”. Qui ilA�filmato dell’esibizione.
  • Il Coro ha inoltreA�eseguito molti brani dei Carmina Burana di Carl Orff in un concerto tenutosi alla Civica Scuola di Musica ‘Cacina Robbiolo’ il 26 ottobre 1996 con l’organizzazione del Comune di Buccinasco.

[Carmina Burana: la storia]
[Testi & traduzioni]
[Concerto 1996]
[Concerto 2001]
[Concerto 2012]


CARMINA BURANA

“Carmina Burana: Cantiones profanae cantoribus et choris cantandae
comitantibus instrumentis atque imaginibus magicis”

[ “Carmina Burana: canzoni profane per cantori e cori da eseguire con il sussidio di immagini magiche” ]

Versione da cameraA�per soprano, tenore, baritono, due pianoforti e percussioni.

Composta nell’anno 1937

  1. Fortuna imperatrix mundi
    • 1. O Fortuna coro
    • 2. Fortune plango vulnera coro
  2. I – Primo Vere
    • 3. Veris leta facies coro piccolo
    • 4. Omnia Sol temperat baritono
    • 5. Ecce gratum coro
  3. Uf dem Anger
    • 6. Tanz strumentale
    • 7. Floret silva nobilis coro e coro piccolo
    • 8. Chramer, gip die varwe mir coro e coro piccolo
    • 9. Reie, Swaz hie gat humbe coro
    • 9b. Chume, chume, geselle min! coro piccolo
    • 10. Were diu werlt alle min coro
  4. II – In taberna
    • 11. Estuans interius baritono
    • 12. Olim lacus colueram tenore e coro (tenori e bassi)
    • 13. Ego sum abbas baritono e coro (tenori e bassi)
    • 14. In taberna quando sumus coro (tenori e bassi)
  5. III – Cour d’amours
    • 15. Amor volat undique soprano e voci bianche
    • 16. Dies, nox et omnia baritono
    • 17. Stetit puella soprano
    • 18. Circa mea pectora baritono e coro
    • 19. Si puer cum puellula 3 tenori, baritono 2 bassi
    • 20. Veni, veni, venias coro doppio
    • 21. In trutina soprano
    • 22. Tempus est iocundum soprano, baritono coro e voci bianche
    • 23. Dulcissime soprano
  6. Blanziflor et Helena
    • 24. Ave, formosissima coro
  7. Fortuna imperatrix mundi
    • 25. O Fortuna coro

 


Testi & traduzioni

Fortuna imperatrix mundi
La Dea Fortuna, imperatrice del mondo

1. O Fortuna – coro
O Fortuna

O Fortuna, / velut Luna/ statu variabilis,/ semper crescis/ aut decrescis;/ vita detestabilis/ nunc obdurat/ et nunc curat/ ludo mentis aciem,/ egestatem/ potestatem/ dissolvit ut glaciem./ Sors immanis/ et inanis/ rota tu volubilis/ status malus/ vana salus/ semper dissolubilis,/ obumbrata/ et velata/ mihi quoque niteris;/ nunc per ludum/ dorsum nudum/ fero tui sceleris./ Sors salutis/ et virtutis/ mihi nunc contraria/ est affectus/ et defectus/ semper in angaria./ Hac in hora/ sine mora/ cordum pulsum/ tangite;/ quod per sortem/ sternit fortem/ mecum omnes/ plangite!

(trad.: O Fortuna, cangi di forma come la luna, sempre cresci o cali; l’odiosa vita ora abbatte ora conforta a turno le brame della mente, dissolve come ghiaccio miseria e potenza. Sorte possente e vana, cangiante ruota, maligna natura, vuota prosperitA� che sempre si dissolve, ombrosa e velata sovrasti me pure; ora al gioco del tuo capriccio io offro la schiena nuda. Le sorti di salute e di successo ora mi sono avverse, tormenti e privazioni sempre mi tormentano. In quest’ora senza indugio risuonino le vostre corde; come me piangete tutti: a caso ella abbatte il forte!)

2. Fortune plango vulnera – coro
Piango le ferite di Fortuna

Fortune plango/ vulnera/ stillantibus ocellis,/ quod sua mihi/ munera/ subtrahit rebellis./ Verum est, quod/ legitur,/ fronte capillata,/ sed plerumque/ sequitur/ occasio calvata./ In Fortune solio/ sederam elatus,/ prosperitatis vario/ flore coronatus;/ quicquid enim florui / felix et beatus,/ nunc a summo corrui/ gloria privatus./ Fortune rota volvitur:/ descendo minoratus;/ alter in altum tollitur;/ nimis exaltatus/ rex sedet in vertice / -caveat ruinam!-/ nam sub axe legimus/ Hecubam reginam.

(trad.: Piango le ferite di Fortuna con occhi colmi di lacrime: spietata mi sottrae i suoi doni. Vero A? quel che si legge : porta i capelli in fronte, ma quasi sempre segue la calva Occasione. In alto io sedevo sul trono della Fortuna, cinto dai variopinti fiori del successo; ma se un tempo fiorivo prospero e felice, ora son caduto dalla cima privo di ogni gloria. Si volge la ruota di Fortuna : sempre piA? giA? discendo; un altro sale in alto; esaltato oltre ogni misura sopra tutti un re siede sul trono – “stia attento alla caduta!”- sotto il mozzo della ruota leggiamo ‘Ecuba regina’.)

I – Primo Vere
La primavera

3. Veris leta facies – coro piccolo
Il lieto volto di primavera

Veris leta facies/ mundo propinatur, hiemalis acies/ victa iam fugatur./ In vestitu vario/ Flora principatur,/ nemorum dulcisono/ que cantu celebratur./ Ah!/ Flore fusus gremio/ Phebus novo more/ risum dat, hoc vario/ iam stipate flore./ Zephyrus nectareo/ spirans in odore,/ certatim pro bravio/ curramus in amore./ Ah!/ Cytharizat cantico/ dulcis Philomena;/ flore rident vario/ prata iam serena/ salit cetus avium/ silve per amena,/ chorus promit/ virginum/ iam gaudia millena./ Ah!/

(trad.: Il lieto volto di primavera si offre al mondo, l’invernale schiera vinta si volge in fuga, in variopinta veste regna Flora, celebrata dal canto dolce-risonante delle selve. Avvinto in grembo a Flora, Febo torna di nuovo al riso, Zefiro ormai, pregno d’ogni fiore, spira tra profumi di nettare. A gara lanciamoci in ardenti amori! Il dolce usignolo intona la sua cetra, di fiori vari ridono i prati ormai sereni, vola la stirpe degli uccelli fra le bellezze della selva, il coro delle vergini reca gioie a mille)

4. Omnia Sol temperat – baritono
Il sole riscalda ogni cosa

Omnia Sol temperat / purus et subtilis/ novo mundo reserat/ faciem Aprilis;/ ad Amorem properat animus herilis/ et iocundis imperat/ deus puerilis./ Rerum tanta novitas/ in solemni vere/ et veris auctoritas/ iubet nos gaudere;/ vias prebet solitas/ et in tuo vere/ fides est et probitas/ tuum retinere:/ Ama me fideliter!/ Fidem meam nota:/ de corde totaliter/ et ex mente tota/ sum presentialiter/ absens in remota./ Quisquis amat taliter/ volvitur in rota.

(trad.: Puro e leggero il Sole tutto riscalda, si schiude al mondo il volto novello di Aprile, l’animo nobile si affretta all’amore, e il dio fanciullo impera sui felici. Tanto rinovellarsi nella sacra primavera e la sua possanza ci comandan di godere; schiude le vie ben note, e nella tua primavera fedeltA� e onestA� vogliono che tu sia stretto a chi ami. Amami essendomi fedele, guarda la mia fedeltA� integra di cuore e di tutta la mente. Sono a te presente anche se vivo lontano. Chi ama in tal modo, A? straziato dalla ruota.)

5. Ecce gratum – coro
Ecco la gradita primavera

Ecce gratum/ et optatum/ Ver reducit gaudia:/purpuratum / floret pratum/ Sol serenat omnia./ Iam iam cedant tristia!/ Estas redit/ nunc recedit/ Hyemis sevitia.Ah!/ Iam liquescit/ et decrescit/ grando, nix et cetera;/ bruma fugit,/ et iam sugit / Ver Estatis ubera;/ illi mens est misera,/ qui nec vivit,/ nec lascivit/ sub Estatis dextera. Ah!/ Gloriantur/ et letantur/ in melle dulcedinis/ qui conantur/ ut utantur/ premio Cupidinis;/simus jussu Cypridis/ gloriantes/ et letantes/ pares esse Paridis.Ah!

(trad.: Ecco la gradita, la bramata primavera riporta i piaceri, purpureo il prato fiorisce, il sole tutto rasserena, via ogni tristezza! Ritorna l’estate, si ritira ormai il crudo inverno. GiA� si sciolgono e svaniscono grandine, neve, tutto; la nebbia fugge, ormai primavera succhia al seno della��estate: ben misera A? la mente di chi nA� vive nA� si eccita sotto il dominio dell’estate. Si esalta e gioisce in melata dolcezza chi s’adopra per godere il premio di Cupido; siamo agli ordini di Cipride, fieri e lieti d’esser pari a Paride.)

Uf dem Anger
Sul prato

6. Tanz – strumentale

7. Floret silva nobilis – coro e coro piccolo
La nobile foresta rinverdisce

Floret silva nobilis/ floribus et foliis./ Ubi est antiquus meus amicus ? Ah!/ Hinc equitavit!/ Eia, quis me amabit? Ah!/ Floret silva undique,/ nah mime gesellen ist mir we./ Gruonet der walt allenthalben,/ wa ist min geselle alse lange? Ah!/ der ist geriten hinnen,/ owi, wer sol mich minnen? Ah!

(trad.: La nobile foresta si ricopre di fiori e di foglie. Dova��A? il mio amico di un tempo? Da qui A? partito a cavallo! AhimA?, chi mi amerA�? La foresta fiorisce dappertutto, io mi addoloro per il mio amico lontano. Dappertutto rinverdisce la foresta; perchA? il mio amato sta lontano cosA� a lungo? Ah! Egli se na��A? andato da qui a cavallo, ahimA?, chi mi amerA�? Ah!

8. Chramer, gip die varwe mir – coro e coro piccolo
Mercante dammi del colore

Chramer, gip die varwe mir,/ diu min wengel roete,/ da mit ich die jungen man/ an ir dank der minnenliebe noete./ Seht mich an,/ jungen man!/ lat mich iu gevallen!/ Minnet, tugentliche man,/ minnecliche frouwen/ minne tout iu hoch gemout/ unde lat iuch in hohen eren schouwen./ Wol dir Werlt, daz du bist/ also freudenriche!/ ich will dir sin undertan/ durch din liebe immer sicherliche.

(trad.: Mercante, dammi del colore, per colorare le mie guance di rosso, affinchA� i giovanotti non possano resistermi e mi amino. Guardatemi, giovani! lasciatevi sedurre! Uomini degni, amate donne amabili ! La��amore vi nobilita e vi darA� grandi onori. Salute a te, o mondo, cosA� ricco di gioie! Ti sarA? sempre obbediente, sicura della tua generosa bontA�.)

9. Reie, Swaz hie gat humbe – coro
Girotondo, Quelle che girano danzando

Swaz hie gat umbe,/ daz sint alles megede,/ die wellent an man/ alle diesen sumer gan. Ah! Sla!

(trad. : Quelle che girano danzando sono tutte ragazze che non vogliono passare tutta la��estate senza un uomo. Ah! Sla!)

9b. Chume, chume, geselle min! – coro piccolo
Vieni, vieni mio amato

Chume, chum, geselle min,/ ih enbite harte din,/ ih erbite harte din/ chume, chum, geselle min./ Suzer rosenvarwer munt,/ chum un mache mich gesunt,/ chum un mache mich gesunt,/ suzer rosenvarwer munt.

(trad.: Vieni, vieni, mio amato, ti aspetto ardente di desiderio, vieni, vieni, amore mio. Dolce bocca dal colore di rosa, vieni e rendimi felice.)

10. Were diu werlt alle min – coro
Se il mondo fosse tutto mio

Were diu werlt alle/ min von dem mere/ unze an den Rin,/ des wolt ih mih darben,/ daz diu chunegin von Engellant/ lege an minem armen/ Hei!

(trad.: Fosse mio il mondo tutto dal mare fino al Reno, tutto lo butterei, se la regina d’Inghilterra giacesse fra le mie braccia.)

II – In taberna
All’osteria

11. Estuans interius – baritono
Divorato dall’ira veemente

Estuans interius/ ira vehementi/ in amaritudine/ loquor mee menti:/ factus de materia,/ cinis elementi,/ similis sum folio,/ de quo ludunt venti./ Cum sit enim proprium/ viro sapienti/ supra petram ponere/ sedem fundamenti/ stultus ego comparor/ fluvio labenti,/ sub eodem tramite/ nunquam permanenti./ Feror ego veluti/ sine nauta navis,/ ut per vias aeris/ vaga fertur avis;/ non me tenent vincula,/ non me tenet clavis/ quero mihi similes/ et adiungar pravis./ Mihi cordis gravitas/ res videtur gravis;/ iocus est amabilis/ dulciorque favis;/ quicquid Venus imperat,/ labor est suavis/ que nunquam in cordibus/ habitat ignavis./ Via lata gradior/ more iuventutis,/ implicor et vitiis/ immemor virtutis,/ voluptatis avidus/ magis quam salutis,/ mortuus in anima/ curam gero cutis.

(trad.: Sentendomi bruciare dalla��ira veemente, con amarezza parlo con me stesso: sono fatto di materia, di cenere e polvere, sono come una foglia con cui giocano i venti. Se A? proprio della��uomo saggio porre sulla roccia la base delle fondamenta, io mi paragono, stolto, a un fiume impetuoso che non scorre mai nello stesso alveo. Sono sballottato come una nave senza marinaio, come un uccello per le vie del cielo; nessun legame mi trattiene, nessuna chiave mi vincola; cerco gente simile a me e mi associo con gentaglia. Mi sembra pesante la durezza del cuore; il gioco A? invece piacevole e piA? dolce di un favo di miele. Un lavoro soave A? tutto ciA? che Venere comanda, che non abita mai nei cuori ignavi. Cammino per una via larga, come in gioventA?, mi lascio invischiare dai vizi, dimentico della virtA?, sono avido di piacere piA? che di salvezza; morta A? la mia anima, mi preoccupo solo del corpo.)

12. Olim lacus colueram – tenore e coro (tenori e bassi)

13. Ego sum abbas – baritono e coro (tenori e bassi)

14. In taberna quando sumus – coro (tenori e bassi)
Quando siamo all’osteria

In taberna quando sumus, non curamus quid sit humus, sed ad ludum properamus, cui semper insudamus. Quid agatur in taberna, ubi nummus est pincerna, hoc est opus ut queratur, sic quid loquar, audiatur. Quidam ludunt, quidam bibunt, quidam indiscrete vivunt. sed in ludo qui morantur, ex his quidam denudantur, quidam ibi vestiuntur, quidam saccis induuntur. Ibi nullus timet mortem, sed pro Baccho mittunt sortem: Primo pro nummata vini,ex hac bibunt libertini; semel bibunt pro captivis, post haec bibunt ter pro vivis, quater pro Christianis cunctis, quinquies pro fidelibus defunctis, sexies pro sororibus vanis, septies pro militibus silvanis, octies pro fratribus perversis, nonies pro monachis dispersis, decies pro navigantibus, undecies pro discordantibus, duodecies pro penitentibus, tredecies pro iter agentibus. Tam pro papa quam pro lege bibunt omnes sine lege. Bibit hera, bibit herus, bibit miles, bibit clerus, bibit ille, bibit illa, bibit servus cum ancilla, bibit velox, bibit piger, bibit albus, bibit niger, bibit constans, bibit vagus, bibit rudis, bibit magus, bibit pauper et egrotus, bibit exul et ignotus, bibit puer, bibit canus, bibit presul et decanus, bibit soror, bibit frater, bibit anus, bibit mater, bibit iste, bibit ille, bibunt centum, bibunt mille: Parum sexcente nummate durant, cum immoderate bibunt omnes sine meta. Quamvis bibani mente leta, sic nos rodunt omnes gentes, et sic erimus egentes. Qui nos rodunt confundantur et cum iustis non scribantur. Io io io io io io !!

(trad.: Quando siamo all’osteria che c’importa se siam cenere, noi ci buttiamo al gioco che non ci dA� mai tregua. Che si fa all’osteria, dove danaro fa il coppiere, A? ben giusto chiederlo; ve lo dirA?, ascoltate. Chi gioca, chi beve, chi si dA� ai bagordi. Fra chi si accanisce al gioco c’A? chi si spoglia, c’A? chi si riveste, c’A? chi si ricopre di sacco: qui nessuno teme la morte, noi gettiamo i dadi per Bacco: Prima i viziosi bevono per il soldo del vino, una volta bevono per i carcerati,dopo bevono tre volte per i vivi, quattro per tutti i cristiani, cinque per i fedeli defunti, sei per le buone donne, sette per i grassatori, otto per i frati pervertiti, nove per i monaci scappati, dieci per i naviganti, undici per i litiganti, dodici per i penitenti, tredici per i viaggiatori. Per il papa o per il re bevon tutti senza limiti. Beve la dama, beve il signore, beve il soldato, beve il chierico, beve quello, beve quella, beve il servo con l’ancella, beve il lesto beve il pigro, beve il bianco, beve il negro, beve il costante, beve il vano, beve il rozzo, beve il dotto,beve il povero e il malato, beve l’esule e lo sconosciuto,beve il ragazzo beve il canuto, beve il vescovo e il decano,beve la suora, beve il frate,beve la nonna,beve la madre, beve questa, beve quello, bevon cento, bevon mille. Poco duran seicento denari, se bevon tutti alla grande senza limiti. Pur se bevon a mente lieta, ci fan tutti torto, siamo cosA� poveracci! Chi ci sprezza sia confuso, e fra i giusti non sia scritto.)

III – Cour d’amours
Le corti dell’amore

15. Amor volat undique – soprano e voci bianche
L’amore vola dappertutto

Amor volat undique;/ captus est libidine./ Iuvenes. iuvencule/ coniuguntur merito./ Siqua sine socio/ caret omni gaudio;/ tenet noctis infima/sub intimo/ cordis in custodia:/ fit res amarissima.

(trad.: La��amore vola dappertutto, prigioniero del desiderio. Giovani e giovanette si uniscono secondo natura. Se qualche giovanetta rimane senza amante, non prova alcuna gioia; tiene rinchiusa nel profondo del suo cuore una notte buia e triste; questa A? una��esperienza amarissima.)

16. Dies, nox et omnia – baritono

17. Stetit puella – soprano
Stava una fanciulla

Stetit puella/ rufa tunica;/ si quis eam tetigit, / tunica crepuit. Eia!/ Stetit puella/ tamquam rosula:/ facie splenduit/ os eius floruit. Eia!

(trad.:Stava una fanciulla in rossa tunica; se uno la toccava, frusciava la tunica. Ehi! Stava una fanciulla come una rosellina; splendeva in volto, fioriva la sua bocca. Ehi!)

18. Circa mea pectora – baritono e coro
Nel mio cuore

Circa mea pectora/ multa sunt suspiria/ de tua pulchritudine,/ que me ledunt misere. Ah!/ Mandaliet, mandaliet/ min geselle/chomet niet./ Tui lucent oculi/ sicut solis radii,/ sicut splendor fulguris/ lucem donat tenebris. Ah!/ Mandaliet etc./ Vellet deus, vellent dii,/ quod mente proposui:/ ut eius virginea/ reserassem vincula. Ah!/ Mandaliet etc.

(trad.: Nel mio cuore vi sono molti sospiri per la tua bellezza, che mi fanno languire.Ah! Mandaliet, mandaliet, la mia amata non arriva. I tuoi occhi brillano come i raggi del sole, come lo splendore della folgore che illumina le tenebre.Ah! Mandaliet, ecc. Voglia Dio, vogliano gli dei accordarmi ciA? che ho in mente: che io violi i legami della sua verginitA�. Ah! Mandaliet,ecc.).

19. Si puer cum puellula – 3 tenori, baritono 2 bassi

20. Veni, veni, venias – coro doppio

21. In trutina – soprano
Sulla bilancia

In trutina mentis dubia/ fluctuant contraria/ lascivus amor et pudicitia./ Sed eligo quod video/ collum iugo prebeo;/ ad iugum tamen suave transeo.

(trad.: Sulla bilancia indecisa della mente oscillan contrapposti amor lascivo e pudore. Ma scelgo quel che vedo, porgo il collo al giogo; mi metto a un giogo ben soave.)

22. Tempus est iocundum – soprano, baritono coro e voci bianche

23. Dulcissime – soprano
A te, dolcissimo

Dulcissime! Ah!/ Totam tibi subdo me!

(trad.: A te, o dolcissimo, tutta mi abbandono!)

Blanziflor et Helena

24. Ave, formosissima – coro
Salute a te, o bellissima

Ave formosissima,/ gemma pretiosa, / ave, decus virginum,/ virgo gloriosa,/ ave, mundi luminar,/ ave, mundi rosa,/ Blanziflor et Helena,/ Venus generosa!

(trad.: Ave bellissima, preziosa gemma, ave perla delle vergini, gloriosa vergine, ave luce del mondo, ave rosa del mondo, Biancofiore ed Elena, Venere magnanima!)

Fortuna imperatrix mundi
La Dea Fortuna, imperatrice del mondo

25. O Fortuna – coro


 

Il concerto del 26 ottobre 1996

Il concerto dal titolo “L’amor sacro e l’amor profano” si A? tenuto nella Civica scuola di Musica “Cascina Robbiolo” sabato 26 ottobre 1996 ed era organizzato dal Comune di Buccinasco.
La serata era suddivisa in due parti.
Nella prima parte sono state proposte musiche di B. Marcello A. Vivaldi, W.A. Mozart, A. Salieri, J.S. Bach, G.F. HA�ndel.
Nella seconda parte A? stata proposta una cospicua selezione dai Carmina Burana:
i numeri 1, 2, 3, 4, 5, 10, 14, 17, 21, 24, 25

Hanno preso parte al concerto:

Elisa TurlA�, soprano

Maria Pia Carola, pianoforte
Alfonso Chielli, pianoforte

Quintetto d’archi ‘Paul Klee’
Stefano Lo Re, violino
Paolo Volta, violino
Luca Meschini, viola
Aldo Farina, violoncello
Luigi Correnti, contrabbasso

Luca Casiraghi, Francesco Pinetti, Cristiano Pirola e Antonio Scotillo, percussioni
Antonio Manti e Maurizio Sacchi, trombe
Alessandro Temporelli, clarinetto


 

Il concerto del 29 novembre 2001

Partecipano al concerto:

Coro Polifonica 10
Diretto da Giovanni Cavedon

Cristina MistA? – Soprano

Pietro Boggia, Corrado Villa, Mauro Lodi – Baritono

Maria Pia Carola, Marcello Cerruto – Pianoforte

Matteo Moretti, Sergio Marangoni, Massimo Melillo, Dario Piumatti – Percussioni

Il concerto del 20 ottobre 2012

Carmina Burana
di Carl OrffGRANDE CONCERTO DEGLI UNIVERSITARI A ROMA
Dedicato all’Emilia
con il Patrocinio della PROVINCIA DI ROMA
Auditorium della Conciliazione – Roma
Sabato, 20 Ottobre 2012 – ore 21:00

Partecipano al concerto:

Coro Interuniversitario Nazionale

Coro dell’UniversitA� Modena e Reggio Emilia, Coro dell’UniversitA� di Roma Tor Vergata, Corale Universitaria di Torino, Coro dell’UniversitA� Statale di Milano, Coro dell’UniversitA� di Bolzano, Coro dell’UniversitA� del Piemonte Orientale, Coro dell’UniversitA� di Venezia “CA� Foscari”, Coro dell’UniversitA� di Padova, Coro dell’UniversitA� di Trieste, Coro dell’UniversitA� di Cremona-Pavia, Coro dell’UniversitA� di Verona, Coro dell’UniversitA� di Parma, Coro dell’UniversitA� di Ferrara, Coro dell’UniversitA� di Genova, Coro dell’UniversitA� di Bologna, Coro dell’UniversitA� di Firenze, Coro dell’UniversitA� di Perugia, Coro dell’UniversitA� di Camerino, Coro dell’UniversitA� di Cassino, Coro dell’UniversitA� del Molise, Coro dell’UniversitA� di Napoli “L’Orientale”, Coro dell’UniversitA� di Bari, Coro dell’UniversitA� di Salerno “Principe Sanseverino“, Coro dell’UniversitA� della Calabria,
Coro dell’UniversitA� di Sassari.

Orchestra MuSa classica dellaA�SapienzaA�UniversitA� di RomaA�

con la partecipazione di:
Orchestra dell’UniversitA� di Parma, Camerata Strumentale dell’UniversitA� di Salerno,
Orchestra dell’UniversitA� di Bologna, Orchestra dell’UniversitA� di Modena e Reggio Emilia,
Orchestra dell’UniversitA� del Piemonte Orientale.

con la preziosa collaborazione di:
Orchestra Giovanile di RomaA�
Coro Arcobaleno dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Special guests:
Susanna RigacciSopranoA�
Giordano Ferri – Tenore
Sergio Leone – Baritono

Direttore

Karl Martin

Commenti chiusi